Escursioni con il cane – Benvenuti nella natura

08.05.2018

Una delle più belle attività da fare nel tempo libero con un cane è senza dubbio una passeggiata. È una cosa positiva non solo per il cane stesso, ma anche per il suo proprietario. È inoltre una grande opportunità per passare del tempo con il tuo amico a quattro zampe e aiuta a rafforzare il legame tra uomo e animale. Ci sono sempre nuovi percorsi da esplorare, per scoprire odori nuovi e sperimentare emozionanti sensazioni. In un attimo, un'escursione può trasformarsi in una piccola avventura.

Quali cani sono adattati per le escursioni?

In linea di principio, ogni cane sano può fare un'escursione. Tuttavia, dovresti prendere in considerazione le dimensioni, il peso e l'età del tuo cane. Soprattutto per le razze di taglia grande e pesanti, o di razza molto piccola e con le gambe corte, ci sono certamente delle restrizioni per quanto riguarda le condizioni degli itinerari e la lunghezza del percorso.

Anche i cuccioli non dovrebbero percorrere distanze troppo lunghe. Le ossa e le articolazioni molli si sovraccaricano rapidamente. Pertanto, non iniziare con escursioni più lunghe finché il tuo cane non avrà almeno 12 mesi. Le escursioni più brevi non sono comunque un problema per i cani giovani, purché si osservino periodi di riposo adeguati. Se non sei ancora sicuro, chiedi consiglio al veterinario. Lui saprà dirti cosa puoi e cosa non puoi fare con il tuo cane.

Un cane dovrebbe anche aver ricevuto una certa educazione di base e avere una mentalità aperta e amichevole nei confronti delle persone e degli altri cani. I seguenti comandi dovrebbero essere stati appresi abbastanza bene:

  • „Seduto“
  • „Terra“
  • „Piede“
  • „Resta“
  • „Fermo“

Inoltre, il tuo cane dovrebbe poter essere richiamato senza difficoltà. Chiunque viaggi nella natura può trovarsi di tanto in tanto di fronte alla fauna selvatica. Se non hai il controllo del tuo cane in un caso del genere, possono verificarsi incidenti pericolosi per l’animale, ma anche per il tuo cane. Anche se nella maggior parte degli Stati federati il guinzaglio non è obbligatorio, i cacciatori possono sparare ai cani dei cacciatori di frodo. Se il tuo cane ha un istinto di caccia incontrollabile, o se non può essere richiamato in modo affidabile, è senz’altro opportuno tenerlo al guinzaglio.  

Questione di preparazione

Se finora avete fatto solo passeggiate tranquille su un terreno pianeggiante, un'escursione in montagna di diverse ore può affaticare notevolmente te e il tuo amico a quattro zampe. Una corretta preparazione dipende da come hai svolto finora le tue attività all'aperto. Chi non è abituato dovrebbe iniziare ad allenarsi qualche settimana prima. Man mano che aumenterai gradualmente la lunghezza delle tue passeggiate, vedrai salire rapidamente il livello di forma fisica del tuo cane e aumenterai la sua resistenza.

L’esercizio fisico, come l’addestramento e l'allenamento con gli ostacoli, è l'ideale per preparare il cane a terreni ripidi e accidentati. Qui vengono promossi il coordinamento e la concentrazione, importanti soprattutto nelle escursioni in montagna. All'inizio dell'escursione porta il cane al guinzaglio e inizia con calma. Come noi umani, anche il cane dovrebbe risparmiare le forze e non impiegare tutta la sua energia nei primi metri. Pianifica anche pause adeguate durante le tue prime escursioni, così il tuo cane potrà riposarsi e ricaricarsi.

All'inizio dell'escursione porta il cane al guinzaglio e inizia con calma

Attrezzatura – cosa non deve mancare

Nelle riserve naturali ci sono delle norme di comportamento da rispettare. Per lasciare al tuo cane abbastanza libertà di movimento, prova una pettorina morbida e confortevole in combinazione con un guinzaglio lungo. Per gli itinerari più impegnativi esistono pettorine speciali, le cosiddette pettorine a doppia H, che sostengono al meglio il tuo cane anche su terreni ripidi.

Cos’altro mettere nello zaino:

  • Provviste sufficienti e acqua - per cane e proprietario
  • Una ciotola da viaggio
  • Sacchetti igienici
  • Moschettoni (per agganciare il guinzaglio e avere le mani libere)
  • Kit di pronto soccorso (pinzette per le zecche, disinfettante e bende)  
  • Vaselina o scarpette per cani (per l'escursionismo su superfici particolarmente rocciose e ruvide o sulla neve)
  • Museruola (per giri in gondola)

Regole di comportamento durante le escursioni

Prima di intraprendere una lunga escursione, dovresti tenere a mente alcune regole comportamentali. In molte aree escursionistiche vigono anche regole severe per quanto riguarda i cani e vi sono vari divieti. Questo a causa del comportamento irresponsabile di molti proprietari di cani.

Rispetto 

Anche se dovrebbe essere scontato, non lo si dice mai abbastanza spesso: sii rispettoso con le persone e con i cani sconosciuti! Se incroci un altro escursionista, richiama il cane e, se necessario, mettigli il guinzaglio. Non tutti sono amanti cani e alcuni hanno paura.

Incontro con cani sconosciuti

Fondamentalmente, non c'è nulla di sbagliato nel fare conoscenza con altri cani se le circostanze lo consentono. Anche se il tuo cane è socievole ed educato, dovresti prima chiedere al proprietario dell’altro cane se il suo compagno è contento del contatto diretto. Se incontri un cane al guinzaglio, dovrebbe essere ovvio che tu faccia lo stesso con il tuo. Dopo aver consultato il proprietario dell’altro cane, potrai decidere se permettere un contatto o meno.

Anche se i cani corrono liberamente, dovresti assicurarti che il tuo amico a quattro zampe non si lanci come una furia verso l’altro animale. Osserva prima il cane in arrivo e se possibile parla brevemente con il proprietario. Se tra i due cani si instaura un’atmosfera amichevole e rilassata, potrai permettere loro di fare conoscenza.

Pulire gli escrementi!

Un classico del rapporto tra proprietari di cani e ostili: gli escrementi del cane. La soluzione sarebbe così facile! Basta raccogliere gli escrementi del tuo cane. Non fa piacere a nessun escursionista pestare qualche ricordino lasciato da un cane. Se non c'è nessun cestino in vista, puoi risolvere attaccando un sacchetto, di plastica o altro, all'esterno dello zaino, dove potrai trasportare i sacchetti pieni senza doverli portare sempre in mano.

Occhio alle mucche!

Soprattutto nelle Alpi, molti sentieri escursionistici conducono ai pascoli di bestiame. Pertanto, se incontri delle mucche con il tuo cane è importante che tu segua alcune regole di comportamento. Altrimenti, l'incontro può diventare rapidamente pericoloso e nel peggiore dei casi anche fatale.

Assicurati di tenere il cane al guinzaglio e di guidarlo con calma sul lato opposto al bestiame. Non voltare le spalle alle mucche, tienile d'occhio, ma senza fissarle. Le mucche sono animali fondamentalmente pacifici. Ma se dovessero dare segni di aggressività, sciogli subito il guinzaglio! Il tuo cane è molto più veloce di te e di solito riesce a schivare facilmente una mucca che lo attacca. Inoltre, l'attenzione del bestiame sarà diretta al cane e tu potrai lasciare la zona di pericolo con calma e rapidità.

Tra parentesi, il fatto che una maglietta rossa o un panno rosso rendano il bestiame aggressivo è un mito. Gli animali sono più sensibili ai movimenti veloci; ecco perché agitarsi freneticamente, piuttosto che scacciarla, istiga di più una mucca.

Conclusione

L'escursionismo è molto praticato. È anche un modo per il cane per staccare dalla vita quotidiana ed entrare in contatto diretto con la natura. E se segui alcuni suggerimenti e regole, allora non c'è assolutamente nulla che possa rovinarti il piacere di questa esperienza. Se hai ancora dei dubbi e magari non ti senti abbastanza sicuro, puoi anche unirti a un gruppo. Ci sono molte guide che offrono escursioni a piedi con il cane. In questo modo avrai accanto a te un professionista che conosce bene il percorso e potrai parlare con altri proprietari di cani.

Inserisci commento