Abituare cane e gatto l’uno all’altro: come far funzionare l’amicizia

06.07.2019

Tu e il tuo cane fate proprio una bella squadra. Ma in realtà ci sarebbe spazio per un altro amico a quattro zampe - e magari vorresti che fosse un gatto, invece che un altro cane? Certo, all'inizio può sembrare un progetto ambizioso, in fondo i due animali hanno delle differenze non indifferenti per quanto riguarda linguaggio del corpo e comportamento.

Ma questo non deve necessariamente essere un problema: con i trucchi giusti puoi far sì che cane e gatto si abituino l’uno all’altro. Così nessuno dei due si sentirà messo da parte dall’altro e non si sentirà disturbato dalla sua presenza. E magari i due diventeranno anche migliori amici. Ecco come funziona:

Abituare cane e gatto uno all’altro: Chi è adatto a chi?

Prima di cominciare, devi prendere in considerazione alcune cose. Il che prevede rispondere a queste domande:

  • Hai già un animale in casa? Se sì, è il gatto o il cane? 
  • Come è strutturata la tua casa? Hai un giardino o un balcone? E il gatto potrà usufruirne? O è un gatto solo da appartamento?
  • Quanti anni hanno i tuoi (futuri) animali? 
  • Hai già esperienza con gli altri animali? Se sì, di che tipo? 

Essenzialmente, è possibile abituare gli uni agli altri cani e gatti quando entrambi sono ancora relativamente giovani e non hanno vissuto esperienze negative con l'altro. Avere fin dall’inizio delle esperienze positive, meglio ancora se insieme, getta le migliori basi per una convivenza felice. 

Ma anche animali più anziani e placidi possono “fare la conoscenza” con esemplari dell’altra specie e diventare buoni amici. Il mio primo gatto è cresciuto in una famiglia con due bellissimi pastori tedeschi incrociati e per tutta la vita è stato sempre amichevole con i cani. Allo stesso modo, dei miei conoscenti avevano un cane da caccia a cui era stato insegnato fin da cucciolo come comportarsi con i gatti. È sempre andato più che d'accordo con loro, con il loro linguaggio del corpo e il loro comportamento.

Dipende anche molto dalle caratteristiche individuali di ogni animale, dal modo in cui cane e gatto sono stati abituati l’uno all'altro.

Un punto in più per gli animali che provengono da gattili o da canili: non saranno solo felici di avere una nuova casa. La maggior parte dei gestori di queste strutture saprà dirti anche quale cane e quale gatto sarà più contento di avere compagnia, e di che tipo. In questo modo, le possibilità di costruire un’accoppiata vincente aumentano sensibilmente. 

Prepararsi all’arrivo di un cane o di un gatto 

Di norma, la socializzazione fra questi due animali è più facile se è il gatto ad arrivare dopo il cane. Questo perché i cani tendono ad essere legati al branco, quindi non sono troppo territoriali. Un gatto potrebbe interpretare l’arrivo di un nuovo animale come un attacco alla sua autorità, se all’improvviso sarà costretto a condividere il proprio territorio. Ma ciò non vuol dire necessariamente che ogni micio si comporti così.

Detto questo, due cose restano comunque molto importanti:

  • Cane e gatto dovrebbero avere le loro ciotole in zone separate per evitare che si rubino il cibo a vicenda
  • Al cane non deve essere consentito accedere all'area della lettiera del gatto. In fondo, essere disturbato quando sei in bagno non piacerebbe neanche a te, giusto?

Se con te hai già un gatto, ma ancora nessun cane, metti la ciotola del nuovo arrivato in bella vista un po’ di tempo prima che il cane arrivi in casa. Inoltre, fai sentire al tuo gatto registrazioni di cani che abbaiano (inizialmente piano, poi più forte), in modo che non si spaventi quando lo sentirà dal vivo. 

Non dimenticare: se vuoi far sì che cane e gatto si abituino l'uno all'altro, fai in modo che il nuovo animale abbia a disposizione durante in primi giorni una stanza chiusa, da dove possa cominciare ad ambientarsi nella nuova casa. In assenza del cane, il gatto dovrebbe essere libero di esplorare al meglio tutte le aree della casa. E sia il tuo cane che il tuo gatto saranno curiosi di annusare l’odore dell’altro (ad esempio da una tua vecchia maglietta). In questo modo impareranno a riconoscersi e sapranno che in casa c‘è qualcun altro prima di scontrarcisi per caso. 

La tensione sale, arriva il momento del primo incontro 

Sicuramente sarai ansioso di sapere se il cane e il gatto siano adattati per abituarsi l'uno all'altro come ti aspetti. Un’altra cosa: le tue aspettative giocano un ruolo importante nel modo in cui gli animali si abituano uno all’altro.

  • Ci sono animali che scelgono una convivenza pacifica e neutrale 
  • Ce ne sono altri che diventano migliori amici, dormono insieme e si regalano a vicenda i propri giocattoli. 

Entrambe queste alternative vanno benissimo! 

Un'amicizia duratura non la si può forzare, se non scatta la scintilla. Vale lo stesso per noi umani, quindi è una cosa che va rispettata. Tuttavia, agli animali non deve essere permesso attaccarsi l'un l'altro ed essere aggressivi. Dopotutto, non giova né a te né a loro se uno vive nella paura di essere aggredito mentre l’altro va costantemente a caccia della sua “preda”.

A questo proposito, è meglio dar da mangiare a entrambi gli animali prima del loro primo incontro e giocare a lungo con loro. Se saranno sazi e rilassati, l’incontro si rivelerà molto più semplice. Inoltre, a piccole incomprensioni in termini di linguaggio del corpo e di comportamento non sarà dato così tanto peso, e gli animali potranno darsi una seconda possibilità.

Parlando di essere rilassati: in modo che entrambi gli animali sappiano cosa (non) devono fare, in qualità di "mediatore" sei tu ad avere il controllo della situazione. Tieni il cane al guinzaglio e il gatto libero di spostarsi dove vuole – inclusa la possibilità di uscire dalla stanza dell’incontro, in caso di dubbi. 

Nel tuo primo tentativo di far abituare l’uno all’altro il cane e il gatto, la cosa migliore è far entrare il gatto nella stanza con il cane, perché si sentirà molto più sicuro. In questo modo, potrà decidere se e quanto lontano vorrà stare da lui.  

Dolcetti, attenzioni per entrambi gli animali (meglio due persone, una per ogni animale) e un atteggiamento chiaro e calmo daranno agli animali l’idea che sia tutto a posto. Un primo tentativo di contatto fatto in modo spavaldo e/o un attacco simulato non devono essere motivo di panico. Ma entrambi gli animali hanno bisogno di sapere di avere il controllo esclusivo della situazione e di stabilire cosa si possa fare e cosa no. Soprattutto se il tuo cane abbaia o tira al guinzaglio, deve capire che tu non accetti il suo comportamento.

Ma se il cane e il gatto assumono un atteggiamento neutrale, o magari anche positivo nei confronti dell'altro, dopo pochi minuti elogiali con calore e poi gioca con entrambi. Fai in modo che il primo incontro non sia troppo lungo e che entrambi abbiano la possibilità di riprendersi dall'entusiasmo e di riflettere sull’altro.

La pratica rende perfetti 

Dopo che il cane e il gatto si saranno annusati per la prima volta, continua a tenere il cane al guinzaglio finché non avrai l’impressione che entrambi siano tranquilli.  

Poi potrai lasciarli giocare insieme, sempre garantendo al gatto una “via di fuga”, e togliendo il guinzaglio al cane. Fai in modo di dare loro l'impressione che sia tutto come sempre, evitando magari di guardarli con troppa insistenza. Così capiranno che giocare insieme è una cosa normale.  

Conclusione: per abituarsi l’uno all’altro cane e gatto hanno bisogno di tempo e di amore, ma ne varrà la pena

Certo, serve tempo per andare d'accordo con qualcun altro, con il suo comportamento e il suo modo di comunicare. Tuttavia, se nessuno sente di doversi sottomettere e tutti si sentono rispettati, allora una coppia formata da cane e gatto può rivelarsi un gran successo e regalerà alla tua vita energia e vivacità!  

Inserisci commento