Pulci nel cane – Come prevenirle, riconoscerle e combatterle

06.04.2019

Le pulci non vanno mai in letargo! Anche se è opinione comune che questi sgradevoli parassiti siano particolarmente attivi durante i mesi estivi, in realtà il tuo cane può contrarle durante una passeggiata anche nella stagione fredda e persino quando la temperatura è sotto lo zero. In questo articolo ti diremo come prevenire le pulci e cosa fare se il tuo cane già le ha.

Quando si tratta di pulci, la regola d’oro che si consiglia a ogni proprietario di cani è la prevenzione. Perché una volta che avrai portato in casa i parassiti, liberartene non sarà così facile. Si diffondono rapidamente dal cane al resto dalla casa e si riproducono in fretta. Sull’animale resta solo circa il 5% dei parassiti, il rimanente 95% si annida sui tappeti, sui letti per cani, nei mobili imbottiti o in auto sotto forma di pulci, larve o pupe adulte. 

Come capire se il tuo cane ha le pulci 

Se ti accorgi che il tuo cane si gratta di più, presenta delle zone infiammate o perde il pelo in alcuni punti, di solito è il chiaro segnale che soffre di un’infestazione da pulci. Peggiore è l'infestazione, più molesto sarà il prurito. 

La cosa migliore è controllare ogni giorno la pelle e il pelo del tuo cane. Le pulci preferiscono stanziarsi su parti protette del corpo, come dietro le orecchie, sulle spalle o sull'addome. Se passi le mani tra la pelliccia, puoi anche vederle strisciare o saltare. Anche piccoli puntini rossi, morsi o crosticine nere tra il pelo possono essere sintomi di un’infestazione da pulci. 

Ecco come puoi distinguere le feci delle pulci dalla semplice sporcizia: pettina il tuo cane con un pettine apposito nei punti dove vedi delle tracce sospette. Metti le crosticine scure su un pezzo di carta umido o su un fazzoletto e poi schiacciale. Le feci delle pulci lasciano tracce rossastre sulla carta, perché sono composte in gran parte da sangue non digerito. 

Prima scoprirai i sintomi di un'infestazione da pulci nel tuo cane, maggiori saranno le possibilità di debellare rapidamente i parassiti. Una volta che le pulci si sono stanziate ed espanse, spesso non è facile gestire un trattamento chimico per la casa (che a volte è anche necessario reiterare). 

Prevenzione con antiparassitari chimici 

Per prevenire i parassiti come pulci e zecche nei cani esistono numerosi rimedi in commercio. I più noti sono certamente i cosiddetti spot-on, che a ogni applicazione rendono il cane immune ai parassiti per diverse settimane. Poiché molti di questi spot-on nel tempo tendono a perdere la loro efficacia, esistono anche delle compresse masticabili che devono essere somministrate regolarmente all’animale.   

Gli agenti chimici di questo tipo spesso agiscono contro altri parassiti e sono quindi molto pratici per noi proprietari di cani. Tuttavia, questi prodotti somministrati per via orale o applicati sulla pelle vengono assorbiti dall'organismo del tuo cane. I principi attivi entrano nel sangue e rimangono lì almeno per tutto il tempo che indica la confezione. Se il tuo compagno viene morso da una pulce, questa ingerisce il farmaco attraverso il sangue succhiato e ne resta uccisa.  

Molti cani sperimentano reazioni allergiche quando assumono questi principi attivi, e alcuni vanno anche incontro a malattie gravi. Pertanto, fai molta attenzione se somministri regolarmente al tuo cane uno di questi cocktail velenosi. Un'applicazione regolare, che mantiene il contenuto di prodotto costante nel sangue, potrebbe anche nel tempo causare all’animale problemi di salute. Ma contro le pulci esistono anche rimedi naturali.  

Prevenzione con rimedi naturali 

Mescola ogni volta in una tazza di acqua cinque gocce di tea tree oil, olio di citronella, olio di rosmarino, olio di menta piperita e olio di eucalipto e versa il tutto in un flacone spray.

Esistono anche vari rimedi naturali per proteggere il tuo cane dagli attacchi delle pulci. A volte si rivelano un po'più complicati da usare, ma almeno non dovrai preoccuparti della salute del tuo compagno e di altri animali nella tua casa. Fai attenzione ad alcuni prodotti, sei hai anche dei gatti: gli oli essenziali possono essere dannosi per la loro salute.

Per il cane, aggiungere regolarmente dell’olio di cocco nel cibo è sicuramente una delle alternative più pratiche. Inoltre, le compresse a base di vitamine del gruppo B possono aiutare a rendere il tuo cane meno appetibile agli occhi dei parassiti. Sono reperibili in commercio anche degli spot-on a base di estratti vegetali da applicare direttamente sulla pelle nella zona delle spalle e sulla base della coda. Il loro effetto dura fino a 6 ore, a seconda della preparazione. La maggior parte dei cani non ha problemi con una combinazione di integratori nel cibo e spot-on a base di erbe. 

Puoi anche creare il tuo antipulci artigianale. Ecco una ricetta da usare solo con i cani che non deve essere utilizzata in una casa in cui vivono anche gatti:

Ricetta per il tuo antipulci:

Mescola ogni volta in una tazza di acqua cinque gocce di tea tree oil, olio di citronella, olio di rosmarino, olio di menta piperita e olio di eucalipto e versa il tutto in un flacone spray. Puoi nebulizzare questa soluzione sul tuo cane prima di uscire per una passeggiata. Agita bene prima dell'uso!

Combattere le pulci 

Se nonostante tutte le misure preventive hai le pulci in casa, è necessario agire tempestivamente. Più tempo hanno le pulci per moltiplicarsi, più difficile sarà sbarazzarsi di loro. E le pulci si riproducono molto velocemente!

Innanzitutto, fai il bagno al tuo cane. In commercio esistono degli shampoo chimici specifici contro le pulci che però potrebbero danneggiare la salute del tuo cane. Di solito per uccidere i parassiti è sufficiente usare dell’acqua tiepida saponata. Spazzola inoltre il tuo compagno ogni giorno con un pettine antipulci. Poi puoi anche pulirlo con dell’acqua saponata. 

Passa l'aspirapolvere ogni giorno su oggetti come il letto per cani, i tappeti, i mobili imbottiti e i materassi e se possibile lavali ad almeno 60 gradi. Metti regolarmente in lavatrice, sempre a 60 gradi, anche giocattoli, lenzuola e coperte del cane, o in alternativa conservali per almeno dieci giorni nel congelatore. Se il tuo cane viaggia in macchina, non dimenticare di pulire anche questa, altrimenti il tuo compagno contrarrà di nuovo le pulci non appena ci risalirà. Smaltisci anche il sacchetto dell'aspirapolvere subito dopo averlo usato, perché le pulci possono sopravvivere e continuare a riprodursi anche lì.   

In caso di un’infestazione massiccia, spesso l’unica possibilità è usare dei veri e propri insetticidi chimici, come ad es. Fogger, che puoi spruzzare negli ambienti della casa. Si tratta di prodotti altamente tossici sia per gli esseri umani che per gli animali, quindi evita entrare nella stanza per 24 ore dopo averli utilizzati e ricordati di areare bene la stanza. 

Conseguenze di un'infestazione di pulci

Se l'infestazione delle pulci non viene trattata, può diventare un serio problema per la salute del tuo cane. Spesso porta a reazioni allergiche causate dalla saliva di questi parassiti, che può causare infiammazioni cutanee accompagnate da croste, rottura dei peli o eczemi. Questi spesso si originano alla base della coda, sulla schiena o sulle cosce e possono anche essere causati da pochi morsi.  

Le pulci possono causare anche delle malattie cutanee di origine batterica, come i cosiddetti "punti caldi", ovvero infiammazioni cutanee purulente che causano fuoriuscite di pus, che a volte si estendono per un'area molto vasta. Se noti qualcosa del genere sul tuo cane, portalo dal veterinario il prima possibile. I cuccioli con un livello elevato di infestazione da parassiti rischiano di andare incontro ad anemia, che può causare la perdita del 10% del sangue.  

Poiché il tuo cane tenderà a grattarsi e leccarsi spesso, c'è anche il rischio che ingoi una pulce. Queste sono spesso “ospiti” intermediari delle tenie, vermi parassitari che rischiano di diventare un serio problema nello stomaco e nell'intestino del tuo compagno.

Speriamo di averti aiutato e ti auguriamo di restare sempre libero dalle pulci.  

Inserisci commento