Lasciare il cane da solo in casa – Ecco a cosa fare attenzione

25.01.2019

Anche se vorremmo avere i nostri cani vicino a noi tutto il giorno, a volte dobbiamo rinunciarvi e il nostro compagno dovrà restare a casa da solo per qualche ora. Che si tratti di una visita dal medico, di una serata a teatro o del lavoro di tutti i giorni, i nostri cani devono essere in grado di stare da soli. Purtroppo, non per tutti è facile. Scopri in questo articolo cosa puoi fare per abituare il tuo cane a stare da solo e rendere la casa sicura in modo che non si faccia del male accidentalmente. 

Molti cani si lasciano prendere da una gran paura se devono separarsi dal loro proprietario, e quando il loro umano preferito non è con loro mettono a soqquadro casa, rovesciano bidoni della spazzatura, ululano o abbaiano, esasperando i vicini. E spesso, il loro proprietario neanche sa che il cane soffre quando rimane da solo a casa. Con un po’di allenamento, di pazienza e di comprensione, puoi insegnare al tuo cane che aspettarti a casa per lui non deve essere un problema.

Perché i cani hanno problemi a stare da soli? 

Per un cane, trovarsi senza un branco è innaturale. È un vecchio retaggio del suo istinto di sopravvivenza, perché stare senza nessuno per lui significa trovarsi a combattere da solo per sopravvivere. In gruppo è più facile. Perciò, il legame con il suo branco per il tuo cane è praticamente vitale. 

E noi umani non gli rendiamo le cose più semplici. Quando lo salutiamo con calore al momento di andare via confondiamo il nostro cane, e molti di noi si sentono male al pensiero che il nostro compagno dovrà stare da solo per qualche ora. Il tuo cane non capisce cosa sta succedendo, anche se gli ripeti che tornerai "tra un momento". Tutto quello che il cane capisce è che tu sembri stare male e poi improvvisamente te ne vai. Viene lasciato nella cuccia, la porta si chiude e lui rimane da solo, preoccupato per te. 

Il tuo cane rimane da solo con quello stato d’animo in cui non solo è preoccupato per te, ma si sente anche abbandonato. Proverà a seguirti, e magari a grattare sulla porta o a chiamarti abbaiando o ululando. Molti cani si lasciano prendere dal panico e cercano di farsi venire in mente le idee più disparate per arginare l’agitazione. Questo può diventare pericoloso non solo per casa tua, ma anche per la vita del tuo cane. Ecco perché è importante che lo abitui a stare da solo. 

Prima di iniziare l’addestramento 

La cosa più importante, durante l'addestramento o quando dovrai effettivamente lasciarlo da solo a casa, è permettere al tuo cane di sfogare tutta la sua energia. Andate a fare una bella passeggiata, fate un’attività movimentata o stimolalo con qualche gioco di logica o di ricerca. Se si stancherà abbastanza, potrà andare a riposare nel suo letto fin quando tu non tornerai.

Prima di uscire di casa, rimuovi tutti gli oggetti pericolosi, in modo che il cane non possa farsi male. Guarda il tuo appartamento con i suoi occhi. Cosa potrebbe essere attrarlo? Cose commestibili, decorazioni, fili elettrici... Queste sono tutte cose che ai cani piace rosicchiare e che potrebbero rivelarsi pericolose. Quindi se non sei sicuro che il tuo cane sia in grado di aspettarti da solo, meglio eliminarle. 

È importante anche creare una routine da adottare in modo automatico ogni volta che il tuo cane deve restare da solo a casa. Così può prepararsi a ciò che si deve aspettare e non dovrà preoccuparsi perché non capisce cosa succede. 

Addestrare il cane a stare da solo 

Certo, non puoi lasciare il tuo cane da solo per ore fin dalla prima volta. Perciò, organizza delle piccole sessioni di addestramento quotidiano di pochi minuti, in cui lasci il cane da solo in una stanza. Assicurati che non passi troppo tempo e di non rientrare al momento sbagliato. Se il tuo cane ulula o abbaia, è il momento sbagliato. Perché se lo “ricompensi” tornando solo perché ti ha chiamato, non capirà mai che deve solo rilassarsi e aspettarti con calma. La cosa ideale sarebbe rientrare nella stanza quando il tuo cane è tranquillamente sdraiato nella sua cuccia. 

Per le prime volte, puoi provare a mettere una videocamera in modo da vedere cosa fa il tuo cane quando è da solo. Così saprai anche quando è il momento di rientrare nella stanza prima che si agiti o si faccia male. Se sta tranquillamente sdraiato sulla sua coperta senza fare suoni, puoi rientrare e dargli la meritata ricompensa. Alcuni addestratori consigliano di salutare il cane senza dargli troppa importanza. Questo dovrebbe far capire al cane che stare da soli per un po' è normale. In realtà, se osservi come i cani reagiscono quando torna un membro del branco, noterai che si salutano sempre con parecchio entusiasmo. Quindi magari puoi farlo anche tu. 

Inizia l’addestramento quando il tuo cane è stanco e soddisfatto e lascialo da solo per un minuto o due prima di rientrare nella stanza. In questo modo capirà che non è così male stare da soli per qualche minuto e che tu di sicuro tornerai. Potrai gradualmente aumentare il tempo e alla fine uscire di casa. Assicurati di non andare troppo veloce e di non imporre al tuo cane intervalli di tempo troppo lunghi. Questo rischia di compromettere l’addestramento. Dai al tuo cane il tempo che gli serve e ricordati che si tratta di un addestramento molto importante, che lo accompagnerà per il resto della vita. 

Aiuti durante l’addestramento

Esistono un sacco di prodotti sul mercato che possono aiutarti nell’addestramento del cane. Ad esempio, una videocamera che puoi installare per sapere cosa fa quando tu non sei in casa. In questo modo, se ha dei comportamenti che non vanno bene puoi accorgertene e intervenire concretamente...

Anche una scatola per cani può essere utile. Ovviamente il tuo cane deve esserci abituato e riconoscere la scatola come un posto sicuro in cui può dormire. Molti cani riescono a rilassarsi meglio in una scatola del genere e, soprattutto durante l’addestramento, hai la sicurezza che il tuo compagno non combini niente di strano. Certo, non è una soluzione se starai lontano per qualche ora. Al cane servirà più libertà di movimento, altrimenti rischierà di associare la scatola a qualcosa di negativo. 

Aiuta molto anche dare al cane qualcosa che possa sgranocchiare tranquillamente. Con un po' di fortuna, in questo modo non si accorgerà neanche che tu non ci sei. Tuttavia, meglio che siano dei bastoncini da rosicchiare o qualcosa di simile, perciò evita i giocattoli. È sempre meglio non lasciare i giocattoli incustoditi con un cane, perché l’animale potrebbe romperli e ingoiare qualche pezzo. Non vogliamo che la prima cosa che tu debba fare quando rientri in casa sia correre dal veterinario.

Inserisci commento