Ambienti puliti: educare il cucciolo in tutta serenità

08.02.2020

Avere un cucciolo in casa è una delle sfide più belle ed emozionanti che si possano immaginare. Piccolo, maldestro ed espansivo, un cucciolo è sempre ansioso di esplorare il mondo e di trovare una casa in cui essere amato e accudito da persone capaci e affettuose.    

Ma naturalmente un cane giovane non è solo bello da vedere, ha anche delle esigenze assolutamente naturali. Se qualcosa entra, com’è ovvio prima o poi dovrà uscire. E logicamente, trovarsi dei ricordini in giro per l’appartamento o in casa non è certo uno spasso. 

Di conseguenza, il tuo piccolo compagno deve essere educato a saper aspettare. Con tanta pazienza, i trucchi giusti e un addestramento non aggressivo, non sarà qualcosa che creerà problemi a medio e lungo termine. Dopotutto, i cani sono animali che tendono per natura ad essere puliti, e non vogliono sporcare gli ambienti in cui dormono o si rilassano. Ma è qualcosa che un cucciolo deve comunque imparare. Non perché siano fatti diversamente, ma perché i loro corpi devono abituarsi a trattenere urina e feci per un certo periodo di tempo.   

I cuccioli impareranno la pulizia da soli?

Come abbiamo detto, i cani di poche settimane non riescono a controllare la vescica e l'intestino per più di qualche secondo, al massimo per pochi minuti. Quindi, se non si trovano nei pressi del luogo adibito ai bisogni o non ci vengono portati in fretta, il danno avverrà nel punto in cui si trova il cucciolo. 

La pulizia degli spazi non dipende in alcun modo dalla volontà del cucciolo di poche settimane. Di conseguenza, non è per mancanza di educazione che si va incontro a questi piccoli incidenti. In ogni caso, educare il cane a non sporcare è possibile per quasi tutti gli animali con un addestramento costante, e se tu stesso imparerai ad interpretare i segnali del tuo compagno.

A seconda del carattere del tuo amico a quattro zampe, i segnali possono variare tra i seguenti: 

  • Giri in cerchio 
  • Corsa verso la porta 
  • Lamenti 
  • Sguardi per attirare l‘attenzione 

È tutto qui. Attenzione e una comunicazione chiara e affettuosa sono dunque la chiave del successo per educare il cane a non sporcare: già a 4 o 5 mesi molti animali non hanno difficoltà a capire che devono aspettare di uscire. Ammesso che possano farlo. 

Quanto spesso il cucciolo va portato fuori?

All’inizio è sempre difficile. Anzi, più che difficile, meglio sarebbe dire che la cosa richiede tempo.  La regola generale è: 

  • Cuccioli fino ai 3 mesi: ogni ora e mezza o 2 
  • Cuccioli tra i 3 e i 4 mesi: ogni 2 ore e mezza o 3
  • Cani tra i 5 e i 6 mesi: ogni 4 ore

Attenzione: il tuo piccolo compagno ha un suo ritmo fisiologico individuale e le informazioni che abbiamo fornito sono solo valori orientativi. Eventuali variazioni sono del tutto normali in questi casi. 

Inoltre, ricorda che anche fattori come un’emozione improvvisa possono stimolare il cane. Altri fattori sono ovviamente il momento in cui l’animale si sveglia, quando mangia e/o beve o quando gioca. Perciò, non c’è niente di cui preoccuparsi se per una volta non siete riusciti ad arrivare in tempo alla porta. 

Qual è l’addestramento corretto?

Attenzione e costanza sono elementi fondamentali quando c’è bisogno di educare un cucciolo a non sporcare. 

Come abbiamo visto, devi portarlo fuori regolarmente (l’ideale sarebbe per almeno 20 minuti dopo le attività menzionate sopra) per dargli la possibilità di fare i suoi bisogni. Se passerà fuori abbastanza tempo, troverà di sicuro il momento giusto. 

L'importante è garantirgli assoluta tranquillità e fare in modo che non si distragga per evitare che finisca per non fare ciò che deve fare. In questo modo, imparerà ad associare il tempo all'aria aperta con il momento in cui può espletare le sue funzioni. Poi (ma solo dopo che avrà fatto i suoi bisogni) si sarà meritato le lodi.  

Un collegamento positivo tra il mondo esterno e i bisogni è fondamentale

Ciò significa anche non concludere una passeggiata subito dopo che il cane ha fatto ciò che deve, ma proseguire per un po’. In questo modo, il tuo cucciolo assocerà l’educazione alla pulizia con un’attività all’aria aperta, e non con una situazione che si conclude in breve tempo e che può replicare anche in casa. 

Come preparare la casa

A parte questo, ci sono delle accortezze che puoi adottare anche in casa per educare il tuo compagno peloso più velocemente e con meno difficoltà. 

 
  • Fai dormire il tuo cucciolo in un punto da cui non possa allontanarsi per sporcare in giro per casa se ne ha necessità. Il motivo: a nessun cane piace dormire in un posto sporco. In questo modo sarà molto più probabile che il cucciolo ti avverta, se ha bisogno. 

  • Rimuovi gli oggetti preziosi per evitare che vengano sporcati.

  • Limita le aree della casa a cui il tuo cucciolo ha accesso. Questo non significa che dovrai confinarlo da qualche parte e impedirgli di spostarsi. Tuttavia, molti proprietari di cani hanno trovato utile servirsi di box per bambini quando avevano bisogno di tenere fermo il loro piccolo compagno per qualche minuto, se ad esempio dovevano lasciare la stanza per un breve periodo. Allo stesso tempo, così facendo avevano la garanzia che non si verificasse nessun incidente in altre zone della casa… 

Cosa fare se le cose non vanno? 

Nessun padrone è perfetto, quindi ti ritroverai in buona compagnia fra i proprietari di cani a cui è capitato qualche piccolo incidente di percorso. Per prima cosa, sappi che non è intenzione del tuo cucciolo sporcare dove non deve. È meglio pulire l'area interessata senza rimproverarlo e la prossima volta impegnarsi ad essere più attenti ai suoi comportamenti e alle sue reazioni. 

Rimproverare un cucciolo, spingergli il naso contro gli escrementi o addirittura sbattercelo, non è di alcun aiuto. Innanzi tutto, bisognerebbe sempre prediligere un addestramento non violento. In secondo luogo, comportandoti così fai solo in modo che il tuo compagno non si fidi più di te, diventi ansioso, con il risultato che educarlo può diventare un problema. Piuttosto, se ti accorgi che sta per sporcare in casa, digli semplicemente "No!", fallo uscire e lodalo quando avrà fatto i suoi bisogni all’aperto. 

Tuttavia, se un cucciolo è ansioso sarà più difficile educarlo: il tuo piccolo compagno ha troppa paura di fare i suoi bisogni fuori? In questo caso spesso è di aiuto sistemare in casa una lettiera per cani mentre continui ad educarlo serenamente portandolo fuori. La lettiera in casa però non può né deve sostituire la passeggiata, che dovrebbe essere il momento più divertente in cui potete scatenarvi all'aria aperta!

Inserisci commento